Primo convegno internazionale sulla Poic

Si svolgerà a Camogli (GE), dal 27 al 29 aprile 2022, il primo convegno scientifico esclusivamente dedicato alla pseudo-occlusione intestinale cronica (Poic). Per la prima volta ricercatori e clinici saranno protagonisti per una tre-giorni di confronto internazionale sulla miopatia viscerale, malattia genetica rara dell’apparato digerente, per la quale ad oggi non esiste cura.

Che cosa è la POIC

La pseudo-ostruzione intestinale cronica pediatrica è una malattia rara e invalidante, caratterizzata da un grave difetto di motilità dell’apparato digerente,

associato a periodi di occlusione intestinale e impossibilità ad alimentarsi. La malattia può coinvolgere il tratto digestivo nella sua totalità oppure interessare soltanto il piccolo intestino. A volte anche altri organi, come la vescica. Ad oggi non esistono cure o terapie farmacologiche efficaci. La nutrizione parenterale è uno dei principali trattamenti per la sopravvivenza e crescita dei bambini. La malattia può essere gestita solo attraverso un supporto medico multidisciplinare ed altamente specializzato.

 

Approfondisci

Chi siamo

L'Associazione è nata per migliorare la qualità della vita dei bambini POIC.

Leggi di piu'

Comitato scientifico

Un team clinico multidisciplinare e altamente specialistico.

LEGGI DI PIU'

Dona ora

Insieme per le bambine e i bambini affetti dalla POIC.

LEGGI DI PIU'

5×1000

Il tuo appoggio e la tua firma permetteranno all’associazione di continuare ad investire nella ricerca scientifica e a dare un aiuto concreto alle famiglie e ai pazienti affetti da pseudo-ostruzione intestinale cronica.

 

Il nostro codice fiscale è 96428660581 e va indicato nella sezione “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative” presente nella tua dichiarazione dei redditi.

Stop - Poic e dintorni
News

Stop!

Con questo articolo vorrei invitarvi a riflettere sulla parola: Paura Non credo sia una grande scoperta se nelle famiglie POIC il termine “paura” riporti...
News

A cena

.... poi una sera ti fermi a guardare lo sguardo felice di tua figlia. “Cosa sta osservando la bambina?” Potreste chiedervi.

Come puoi
aiutarci?